venerdì 14 luglio 2017

Il caldo dà alla testa


Scusatemi ma in questi giorni sono poco presente e soprattutto indaffarata.
A dire la verità sono un po' come il gentile signore con la  bombetta che vedete sotto. :)
Sembra quasi che Magritte avesse pensato a me quando lo dipinse nel 1964.
Però in non c'ero ancora.... o sì?  C'ero già forse????
Uhm... Dubbio amletico ahhahahahahahah 


http://www.liceolocarno.ch/Liceo_di_Locarno/materie/storia_arte/magritte/opere/luomoconlabombetta.html

Ok, fanciulli, lasciamo perdere le follie perchè come sapete il caldo dà alla testa e ad una certa venerabile età... ancora di più!
Pensare poi che Magritte sapesse di me..  stendere non uno ma quaranta veli pietosi.
E non chiamate il 118 perchè ci sono urgenze più.... urgenti :) :)

Detto questo, cerchiamo di tornare seri.

Comunque sì, è come se in testa ci fossero milioni di colombe che sbattono le ali.  Che svolazzano freneticamente sbattendo contro la scatola cranica coda e becco.
E pensare che di spazio ne avrebbero ma sono troppe!
Non troppe. Troppi.
Si chiamano pensieri, impegni. Si chiamano ci pensi tu vero? Tanto hai tempo... Devi andare là e dire... fare...
Certo! Continuando con la megalomania direi che a volte mi sento una e trina all'ennesima, perchè ovviamente il rapporto 1 a 3 non basta.

Ecco! Sono frastornata.
Quando accadono certi cambiamenti "forti" forse è normale sentirsi strani.
Le novità un po' mi  destabilizzano. Il mio trantran è improvvisamente scosso da una sorta di terremoto che faccio fatica a comprendere.  Almeno per ora. Poi, ci si abitua e le situazioni assumono luce diversa.
Ci si accorge che il diavolo non è poi così brutto come diciamo qui. A volte è peggio 😃😃😃😃😃
No,  va beh! Scherzo. In fondo un diavoletto come Bruce Willis... mica male eh?

Poi ovviamente il trantran è composto da tanti casini a cui dovrei essere abituata o quasi pronta ma non è così.
A me mi piaceresse (come diceva la nostra bimba da piccolina) che la barca veleggiasse sempre su acque pacifiche, un filo di vento sufficiente a gonfiar le vele, cambusa piena e al timone un pirata alla Johnny Depp.

Sì, ho capito. Mi risveglio. Fine del sogno. Metto giù i piedi, infilo ciabatte e occhiali e vado a farmi un coffee.
O me lo fate voi??? Forte, corposo, due di zucchero grazie!
Patricia






27 commenti:

  1. Be', che dire? Ti capisco e poi mi dici che il caldo è bello! Ma vaaa! Bello scritto, Patricia.
    Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse il caldo a darmi fastidio!
      Posso girarmi qualche volta di più nel letto ma poi dormo perchè non mi crea problemi più di tanto.
      E' il resto che fa pensare e stanca.
      Sai, una nonna di quasi 82 anni che a seguito ripetute ischemie deve prendere sempre una pastiglia tipo cardio aspirina e che ora deve sospenderla per un po'e sostituirla con l'eparina per un piccolo intervento. La testa già andava prima ora sta peggiorando. STamattina alle 6.30 è uscita per vuotare la lettiera dei gatti, il micione le è passato tra i piedi e lei a quell'ora non ha trovato di meglio da fare che mettersi a gridare vieni qui stupido! Non per lo stupido al gatto.... ma a quell'ora i vicino dormono ancora!
      Come se non bastasse dall'ospedale mi hanno appena telefonato dicendo che l'intervento è rimandato per un'urgenza.
      Data? Da destinarsi!
      E intanto la testa va sempre più per conto suo!
      Ok! Ora siete informati che se mi metto a dire cose sempre più insensate e folli dovete chiamare il 118 perchè l0alzeimher è venuto a me ahahahahahhahahahaha
      Bacio

      Elimina
    2. Cara Patricia stai passando davvero un periodo stressante fisicamente e psicologicamente, vorrei poterti aiutare in qualche modo, se fossimo vicine di casa ti potrei dare volentieri una mano e invece... Ti penso. Un abbraccio.
      sinforosa

      Elimina
    3. Ti ringrazio di cuore stella. Il pensiero gentile conta suanto una mano tesa.
      Diciamo che va a momenti. C'è quello buono e l'altro.
      Essendo figlia unica ci sono io 24 h su 24. Sta diventando pesante. Non ascolta, non sente, non ricorda. Ti risponde sì e poi fa il contrario. Ha sempre fretta. Se fosse per lei alle sei del mattino preparerebbe già la cena....
      Un bacio carissima e grazie!

      Elimina
  2. Senza zucchero, abbondante pane tostato,yogourt e marmellata.Il miglior modo per affrontare ogni difficoltà giornaliera.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caffè senza zucchero no grazie! Piuttosto rinuncio al caffè :)
      Per la colazione stamattina ho mangiato due belle pesche. In genere non la faccio nemmeno.
      Ciaoooo

      Elimina
  3. Cara Patrizia, detto bene che il caldo è bello!!! però sono a quella schiera di giovani che si divertono al mare, per noi anziani invece è un supplizio, cerchiamo di tirare avanti!!!
    Ciao e buna giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me va sempre bene il caldo, Tomaso. Non mi lamento proprio di quello.
      Capisco però che ad una erta età possano esserci problemi diversi. Vedo mia mamma che è asmatica.
      Bacio gioia!

      Elimina
  4. Eh, a tutti noi piacerebbe una mattina staccare da tutti, accomodarsi sopra una nuvola con una tazza di tè, una poltrona e un libro (o anche un mp3 con buona musica) con la sensazione che tutti i problemi del mondo siano finiti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egoisticamente e chi se ne frega dei problemi del mondo ahahahahahahahahh beh, no! Non è proprio così in effetti. Era una battuta scema.
      Il problema nascono da persone anziane e malate. Una alzeimher ocnclamato da 17 anni e l'altra... più o meno..
      E io? A volte non so nemmeno che giorno è!

      Elimina
  5. Certe situazioni e cambiamenti possono destabilizzare ma se poi si capisce che sono cmq positivi, nell'ordine delle cose e naturali, (e soprattutto oggettivamente non catastrofici e seri) presto si torna al sereno. Vedrai che andrà così anche per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A vederla così felice, così intraprendente, così sicura è un piacere!
      Come dicevo sopra i problemi veri sono quelli delle nonne....

      Elimina
  6. Non deludermi anche tu, Patricia... d'accordo i problemi, ma lamentarsi per il caldo estivo, proprio no!
    E poi il caffè con due cucchiaini di zucchero? Doppio delitto!!!
    Va be', ho scherzato, dai. I gusti non si discutono mai... disse quello che si ciucciava il calzino ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo Ivano! Tu Ariano ed io siamo lucertole e lucertole restiamo ahhaahhaah
      Caffè amaro? No, grazie rinuncio piuttosto.
      Il caffè va forte come un toro, caldo come l'inferno e dolce come l'amore.... dice sempre il mio amico immaginario ahahhahaahah

      Elimina
  7. Il caldo spossa, è scientificamente provato che rallenta i riflessi, rende irritabili, disidrata e favorisce più malattie e infezioni del freddo.
    Odiando personalmente l'estate ti capisco.
    Caffè insieme?
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A rendermi irritabile è tutto il resto non il caldo, Franny.
      Io odio le stagioni dall'autunno in avanti fino a primavera inoltrata.
      Caffè? Certo, perchè no? Forte e ristretto eh...

      Elimina
  8. "A me mi piaceresse che la barca veleggiasse" ha un suono molto ipnotico, un po' da serpente Kaa o certi passaggi dei testi di Battiato. Il caffè ci vuole sempre e comunque, in qualsiasi stagione! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero! Non ci avevo fatto caso. Tutte quelle esse...
      Piaceresse... era una delle tante parole che la ex bimba storpiava da piccola. :)
      Al caffè non rinuncio mai in mattinata. L'ultimo dopo pranzo se pranziamo entro le 13.
      Bacio a te!

      Elimina
  9. Hai ragione, questo caldo è insopportabile! Infatti respirerò un po' quando sarò al mare... speriamo!
    Baci!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che il caldo in Piemonte è l'afa che ci soffoca ma non è tanto quello che mi stende. Sono i problemi vari come ho risposto ad altri. Nonne anziane....
      Ciaooooo

      Elimina
  10. Risposte
    1. Grazie Lorenza! Sta diventando dura...

      Elimina
  11. Ciao Pat.
    Forza e coraggio... il caldo non aiuta, lo so, ma spero che tutto vada per il meglio.
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  12. Ciao Pat.
    Forza e coraggio... il caldo non aiuta, lo so, ma spero che tutto vada per il meglio.
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ti devo dire? Andrà sempre peggio perchè certi problemi degenerativi non hanno cura. Se va benesi possono rallentare.
      Bacio stella

      Elimina
  13. Ciao Pat, con la combinata alzheimer-anziani ci vuole una super carica di dolcezza-leggerezza... io sono per il caffè amaro, ma in questo caso due cucchiaini di zucchero vanno benissimo. Un giga-abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clementina.
      Mettici anche il caldo, l'asma (chissà come mai mi è venuta l'asma? I 50 anni di fumo non centrano vero???)

      Come diceva quel tipo? Tirem inans.... che altro si può fare?
      Bacio!

      Elimina